Uncategorized

Rendi unico il tuo matrimonio con una scultura di ghiaccio

Belle, leggiadre e trasparenti, le sculture di ghiaccio non solo hanno la capacità di incantare gli ospiti non appena entrano nella sala in cui è stato allestito il buffet per il matrimonio, ma sono anche un modo creativo e chic per tenere in fresco lo champagne per il brindisi.

Presenze immancabili ai matrimoni vip, tanto da diventare in alcuni casi soggetti da prima pagina, le sculture di ghiaccio sono anche delle vere e proprie opere d’arte della pasticceria.

Ogni due anni infatti, presso il Sigep di Rimini, i migliori pasticcieri provenienti da tutto il mondo si sfidano in una gara all’ultimo intaglio per realizzare la scultura di ghiaccio più bella e artistica.

Tuttavia perché le sculture di ghiaccio, dopo anni di silenzio, sono tornate così in auge ai matrimoni e non solo per merito del pupazzo “irriverente” di Fedez e Chiara Ferragni?

Ecco i 4 motivi che si nascondono dietro il loro successo.

1.Sono divertenti e creano un punto focale

Le sculture di ghiaccio, oltre ad aggiungere un tocco teatrale al ricevimento di nozze, sono divertenti e, come il castello di Elsa in Frozen, sono capaci di creare un punto focale e di catturare l’attenzione degli invitati. Non è raro infatti che gli ospiti rimangano affascinati da queste sculture e, in alcuni casi, chiedano come siano state create e vogliano sapere tutto su di esse.

2.Sono dei centri tavola eccezionali

Le sculture di ghiaccio sono anche la soluzione perfetta per quelle coppie che, invece della “tradizionale” torta di nozze, desiderano qualcosa di unico e capace di far scintillare la sala.
Le sculture di ghiaccio, oltre che per il buffet del matrimonio, possono essere utilizzate come centri tavola per i tavoli degli invitati.
Inoltre, per le coppie più estrose o che hanno scelto come tema un colore specifico, possono essere realizzate anche in ghiaccio colorato.

3.Possono essere personalizzate per il matrimonio

Chi l’ha detto che le sculture di ghiaccio devono essere per forza dei blocchi geometrici?

Se gli sposi lo desiderano, possono essere personalizzate in tutti i modi possibili e immaginabili. Le figure più utilizzate ai matrimoni includono cuori, piccoli cupidi o figure di sposi in miniatura, ma se la coppia ha la passione per Guerre Stellari, niente vieta loro di richiedere come sculture di ghiaccio Darth Vader o uno Jedi!

4.Sembrano costose, ma non lo sono affatto

Dato che soltanto un numero ristretto di persone, in particolare vip e altre figure del jet-set, sceglie le sculture di ghiaccio per le nozze, la maggioranza è portata a pensare che siano oggetti esclusivi e molto rari, quindi per forza di cose costosi. Sì e no, perché una volta la maggior parte delle sculture di ghiaccio venivano realizzate con scalpello e motosega e, non di rado, richiedevano anche mezza giornata di lavoro.

Oggi però le aziende, a differenza del passato, dispongono anche di macchine speciali in grado di ritagliare il ghiaccio in poco tempo, riducendo in parte il lavoro e, di conseguenza, abbassando i costi.

Ghiaccio Express, per esempio, utilizza un impianto brevettato di sua creazione, capace non solo di ricavare le forme più classiche per le statue di ghiaccio, ma anche di realizzare figure specifiche su richiesta.

La prossima volta che, guardando una scultura di ghiaccio, inizierai a pensare di volerne una per il tuo matrimonio in Puglia, ma temi che sia troppo costosa, avrai una bellissima sorpresa, perché ti basterà contattare l’azienda di Serravalle (Repubblica di San Marino) per scoprire che non è così cara come sembra e che, se lo desideri, potrai ospitarne anche tu una al tuo ricevimento di nozze.

Jennifer Lopez fa un regalo di Natale ai suoi fan pugliesi


La cantante americana di origini portoricane trascorrerà le vacanze di Natale in Puglia, nella magica zona della Valle d’Itria. Dopo essersi innamorata dell’Italia in passato, grazie ai soggiorni a Capri e sulla costiera amalfitana è arrivato il momento della terra Pugliese, penisola di mare, in cui le star di Hollywood si trovano sempre più a loro agio.

Questo Natale 2018 sarà un periodo speciale per tutti i fan della cantante con il lato B più famoso al Mondo, che arrivò ad assicurarlo per una cifra record di 27 milioni di dollari, seguita solo da Kim Kardashian, il cui sede però è stato valutato solo 15 milioni di dollari.
La cantante classe ’69, nata a New York, dopo aver pubblicato le foto del suo albero di Natale, ha deciso di lusingare i suoi follower instagram italiani, annunciando di passare le vacanze natalizie in un resort extra lusso, nei dintorni di Ostuni. Visto il periodo più freddo non potremo aspettarci certo di vederla in costume o mezza nuda come nei celebri video musicali di “ain’t your mama” o di “dinero”.
Eppure la diva, anche se il 24 Luglio del 2019 compirà ben 50 anni, si mantiene ancora molto sexy e affascinante. Forse sarà merito dei ritocchini che i suoi denigratori le rimproverano o delle foto su instagramm in cui Jennifer evita accuratamente di far apparire la cellulite.
Fatto sta che tutti gli abitanti della Valle d’Itria potranno giudicare di persona se l’icona anni 2000 è ancora una bomba sexy o se struccata comincia a fare paura. A giudicare dal gran numero di persone che hanno prenotato una vacanza a Natale in Puglia, c’è da scommettere che la curiosità è molta. Ce lo ha confermato anche Gaetano Dentamaro di http://www.pugliaetmores.it, che ha parlato di un aumento importante delle richieste di pernotti in questo periodo.

“Abbiamo avuto una crescita delle prenotazioni del 23% per Natale e del 15% per Capodanno, rispetto allo stesso periodo del 2017 e questo è un dato molto confortante, visto che la tendenza a prenotare last minute è sempre maggiore. Osserviamo un aumento delle famiglie con bambini che decidono di dormire in hotel o nelle masseria panoramiche per 2-3 giorni, a conferma della necessità di avere il tempo sufficiente per vedere almeno i luoghi principali della Valle d’Itria”.

E’ abbastanza naturale che se sempre più personaggi famosi desiderano un matrimonio in Puglia, anche tutti i loro fan incominciano a chiedersi cosa abbia di speciale questa regione e siano più motivati a fare una vacanza pugliese per sentirsi più vicini ai propri idoli.

Niente esibizioni di canto o balletti sexy

Nulla di tutto ciò, perchè la famiglia Lopez ha scelto la magia della valle dei trulli per rilassarsi e per scoprire le meraviglie storico e artistiche che caratterizzano quest’area della Puglia. Non è un caso se, stando alle indiscrezioni anticipate dalla Gazzetta del Mezzogiorno, sembra sia stata già prenotata una visita al Museo delle Civiltà Preclassiche di Ostuni, proprio a nome della popolare star della musica pop. L’evento è considerato tra i più importanti dell’anno, visto che a far da Cicerone, sarà lo stesso Presidente del Museo Michele Conte, che sempre più spesso annovera tra le file dei visitatori importanti attrici e cantanti di fama internazionale.

Il richiamo della Valle incantata

Anche senza quella piacevole brezza serale e senza quel sole che tanto piace ai turisti d’estate, la Valle d’Itria si impone come una meta privilegiata per scoprire le bellezze naturalistiche e culturali della Puglia. Il livello raggiunto dalla qualità dei resort di Savelletri è diventato un modello di riferimento per tutte le masserie panoramiche d’epoca che vogliono richiamare ospiti anche in inverno. Per questa ragione la zona di Alberobello e di Cisternino, più in collina rispetto alla zona di Bari, tra fine Dicembre e inizi Gennaio si coprono spesso di neve, diventando paesaggi ancora più natalizi e suggestivi, ideali per essere immortalati attraverso delle fotografie.

La Puglia sarà all’altezza dei 164 centimetri di statura di Jennifer Lopez?

Ci auguriamo di sì e infondo ne siamo convinti, visto il successo dei matrimoni vip in Puglia come lo spettacolare evento nuziale del magnate indiano dell’acciaio o le nozze di Justin Timberlake. Non bisogna essere famosi però per vivere una vacanza da sogno in Puglia o anche un semplice week end, basta un po’ di tempo libero e voglia di divertirsi senza esagerazioni.

L’invadenza dei camerieri di un catering

Gli eventi degni di essere festeggiati richiedono il massimo della professionalità dal punto di vista organizzativo. Matrimoni, feste private o eventi degni di essere ricordati si svolgono sovente in location che necessitano l’ausilio di un servizio di catering, in grado di garantire standard eno-gastronomici elevati, ricorrendo ad un servizio comprovato e veloce.
Scegliendo un servizio di catering si ottimizzano i tempi e non si scelgono solo le pietanze che andranno a deliziare i palati dei commensali, bensì un vero e proprio servizio organizzato, con un personale di sala responsabile e competente.

I tempi stretti e gli errori dei camerieri

I matrimoni hanno dei tempi precisi da rispettare e spesso il personale di sala si trova sotto pressione nel dover stare al passo con le lancette che corrono. Tuttavia, si deve tener conto dell’atmosfera distesa da mantenere e preservare; un’atmosfera di festa che non deve in nessun modo essere intaccata da malumori e nervosismi. Un cameriere, infatti, deve soprattutto mettere a proprio agio i commensali, con un atteggiamento sorridente e disponibile, seppur mai confidenziale. Le attenzioni al cliente sono gradite, seppur non maniacali e continue. Un sorriso avrà sempre un effetto positivo su coloro i quali, in quel momento, stanno celebrando un evento importante o condividendo il momento magico di qualcuno a loro caro.

La fretta, com’è ben noto, funge da cattiva consigliera e spesso porta il personale di sala a svolgere errori imperdonabili e a cui non sempre si può rimediare. In eventi che coinvolgono un numero cospicuo di partecipanti, infatti, un cameriere nervoso e distratto potrebbe ignorare alcuni settori per la fretta, compiendo disattenzioni che saranno percepite dagli ospiti come negligenze ed atteggiamenti poco professionali. I tempi stretti, inoltre, potrebbero condurre il cameriere al non dare il giusto peso alla spiegazione dei piatti che, in alcuni contesti eleganti e di gusto, è necessaria e ben gradita. Ancor peggio potrebbe essere il non essere in grado di spiegare la natura dei piatti presentati ai commensali.

È più che mai sacrosanto, inoltre, che le ordinazioni vengano consegnate ai commensali nell’ordine richiesto e non alla rinfusa. Al contrario si creerà un clima di malcontento spiacevole ed inadatto ad eventi di una certa importanza.
La fretta ed i tempi serrati, di conseguenza, come già accennato, possono portare alla disattenzione perenne del cameriere. Gli errori più comuni vanno dall’ignorare i dettagli più banali alla dimenticanza di bevande o delle richieste dei clienti. Ad esempio, il pane non deve mai mancare sulla tavola cosi come i bicchieri non debbono mai restare vuoti. Se un commensale chiede il sale o l’olio, il cameriere non deve assolutamente dimenticare la necessaria richiesta, ma deve portare immediatamente ciò che occorre al commensale.

Il ruolo del maitre

Al fine di agevolare il lavoro dei camerieri e di ottimizzare il servizio, fondamentale, anche quando si sceglie un servizio di catering è il ruolo del Maitre, ossia del responsabile di sala il quale gestisce lo chef dei vini ed i camerieri all’opera. Il maitre si occupa anche della scelta del Menù e decide i turni di lavoro del personale di sala. Anche il Maitre, come il cameriere può occuparsi delle ordinazioni ed è colui al quale nulla deve sfuggire. Solitamente si occupa dell’accoglienza e tende a possedere un atteggiamento empatico con la clientela, tale da metterla a proprio agio. È una figura fondamentale, in grado di rendere il servizio di catering perfetto ad ogni occasione.

Dove si forma il personale di sala?

Il ruolo del cameriere dunque non è certo da sottovalutare. Un cameriere deve possedere una predisposizione per il lavoro al pubblico ed altresì possedere una conoscenza Eno-gastronomica adeguata. Per tale ragione, esistono corsi privati e pubblici di formazione alberghiera. Taluni hanno una durata di un mese e mezzo con stage retribuiti in azienda, poiché è l’esperienza la vera scuola in questo mestiere.

Il cameriere provetto

Il cameriere perfetto dovrebbe salutare ed accogliere la clientela. Dopodiché, accompagnare al tavolo i clienti, aiutando le Signore a sedersi. Dovrebbe ovviamente porgere immediatamente il Menù ai clienti e dar loro il tempo di ordinare. Dopo l’ordinazione, le bevande debbono essere subito servite al tavolo ed il vino va obbligatoriamente stappato a tavola. Nel servizio all’italiana, lo chef in cucina si occupa di disporre il cibo nei piatti ed il cameriere li servirà ai commensali da destra. Differentemente in quello all’inglese il cameriere porgerà il vassoio sulla tavola dei commensali e servirà il cliente da sinistra, poggiando le pietanze su di un piatto che sarà già collocato sul tavolo.

L’importante è non essere mai eccessivi, altrimenti si rischia di apparire ridicoli e buffi, come Lino Banfi nel film di “Vieni avanti cretino” del 1982.

lino banfi nelle vesti di cameriere invadente

Quando è obbligatorio cambiare piatto?

Che il servizio sia al vassoio o meno, una regola è ferrea: il cameriere dovrà sempre cambiare il piatto al commensale prima di servire una nuova pietanza. Non si parla solo di un semplice passaggio da un piatto di carne ad uno di pesce, ma di una regola di pulizia ed igiene, imprescindibile soprattutto nei ristoranti di livello alto. Attenzione, però. Il cameriere non deve mai togliere un piatto vuoto se l’altro commensale sta ancora consumando il pasto. È una regola che fin troppi camerieri tendono a dimenticare. Inoltre, i tavoli si sbarazzano con ordine, uno alla volta, e partendo dalle donne. I piatti si tolgono soltanto quando il commensale ha terminato la portata e ciò si evince dalla posizione delle posate, con la punta verso il bicchiere.

Come chiamare il cameriere?

Un cameriere attento non vi farà mancar nulla sulla tavola, ma se doveste aver bisogno di qualcosa in più ci sono anche qui delle regole da rispettare in modo ferreo. Per chiamare un cameriere non serve fischiare, basta un cenno della mano o del capo o, a piacere, uno sguardo d’intesa. Non sono ammessi richiami a voce alta che possano fastidiare gli altri commensali oppure lo schioccare delle dita, soprattutto in ristoranti di medio ed alto livello. Il cameriere attento sarà, in ogni caso, sempre nei paraggi, proprio ad accogliere ogni vostra richiesta.

Se ad ogni modo, qualche cameriere importunasse le signorine ai tavoli o mancasse di rispetto agli ospiti seduti ai tavoli, soprattutto in caso di sale di ricevimento nuziali, il rischio di essere licenziati sarebbe alto. E’ buona regola non chiarirsi mai con il personale di sala direttamente in pubblico, di fronte ad altri commensali, ma provvedere ad una segnazione coinvolgendo direttamente il capo che gestisce quella sala.

Fiori di matrimonio di maggio: sposarsi nel segno delle ciliegie

Quando si decide di sposarsi, la prima cosa da fare è scegliere la data delle nozze. Può sembrare un qualcosa di facile, ma, in realtà, non è così, perché sono diversi gli aspetti da tenere in considerazione.

Sebbene la maggior parte delle persone possa optare per le giornate dal clima mite, alcuni preferiscono, invece, sposarsi in altre stagioni.Purtroppo, ogni periodo ha i suoi lati positivi e negativi.

Come abbiamo anticipato precedentemente, i mesi maggiormente richiesti per il giorno del sì, sono quelli che vanno da aprile a maggio. Complice il sole in tutto il suo splendore e la bellezza della natura in fiore.

Sposarsi nel mese di maggio offre diversi vantaggi:

  • il clima è al 70% favorevole;
  • c’è la possibilità di poter sfruttare eventuali ponti e feste comandate per gli ospiti, soprattutto quelli “lontani”;
  • la natura che cambia colore, può rappresentare uno scenario spettacolare per le proprie nozze;
  • le giornate sono particolarmente lunghe.

Quali sono i fiori più economici e quelli più costosi da usare per il proprio matrimonio?

fiori-di-maggio-matrimoniSi sa, i fiori sono fondamentali per un matrimonio, però tutti siamo a conoscenza che possono essere una parte piuttosto costosa dei preparativi.
Ma non è detto, che i fiori per il giorno delle nozze, debbano considerarsi obbligatoriamente fuori budget; ma sicuramente scegliendoli particolari o comunque ricercati, il totale dell’addobbo floreale potrà aumentare. Tuttavia, ci sono alcuni piccoli accorgimenti, che se presi in considerazione, potranno far risparmiare un bel po’ di soldini.

Se non vuoi rinunciare al classico addobbo floreale, prediligi fiori di stagione economici come garofano, gelsomino, peonia, gerbere, iris, ortensia, ciclamino, lilium, sterlizia e celosia. Due tipologie di fiori per matrimonio, unite a loro volta da edera e da foglie verdi, saranno semplicemente stupendi per realizzare composizioni di varia grandezza.

Puoi puntare anche su un solo fiore se ti piace l’atmosfera minimal. Così facendo, la cerimonia potrà definirsi a tema, e sarà anche una buona occasione per spendere di meno.

Mentre, se il lato prettamente economico non ti interessa, e non vuoi rinunciare alle cose belle, ecco alcuni fiori un po’ più costosi, che potrebbero fare al caso tuo, come le calle, il simbolo della bellezza e della purezza, che sono tradizionalmente il fiore delle spose. Si tratta di un fiore particolarmente elegante e originale. Per il matrimonio, in particolare, si utilizzano le calle bianche e non quelle colorate, perché possono essere raccolte in un bouquet classico oppure del tipo a cascata.

La rosa, invece, è il fiore per eccellenza, simbolo dell’amore e della passione. Realizzare delle composizioni floreali con rose bianche può essere un’ottima soluzione per la cerimonia, in quanto danno quel tocco di stile ed eleganza per addobbare matrimonio e ricevimento.

I colori dei fiori maggesi

I garofani rientrano tra le specie più eleganti e di sicuro impatto. Sono i fiori più apprezzati nella decorazione di eventi e cerimonie. Tantissimi sono i colori che questo fiore ci regala. Infatti, a seconda del colore può assumere significati diversi: il garafono bianco, ad esempio, nel linguaggio dei fiori, sta a significare una proclamazione di fedeltà eterna.

Il garofano rosso, altresì, esprime passione ardente ed amore. Garofani screziati oppure di colore assortiti, nel linguaggio floreale, equivalgono ad un messaggio di gentilizza.

Le gerbere sono sinonimo indiscusso di purezza ed dinnocenza, ma, a seconda dei colori, assumono diversi significati. La gerbera rosa, a tal proposito, rappresenta giovinezza ed amore; quella arancione, invece, é simbolo di allegria e di soddisfazione.

Le peonie bianche, tradizionalmente sono delle giovani ragazze, che si sono distinte per la loro bellezza. La peonia in Cina, infatti, è considerata “la regina di tutti i fiori” .

Quali sono i fiori selvatici che si coltivano appositamente per le nozze?

I fiori selvatici sono particolari e molto profumati. Sono poi così diversi tra di loro, tanto da riuscire a realizzare addobbi floreali variegati dai colori brillanti ed accesi.

I fiori selvatici che si coltivano appositamente per le nozze sono le margherite, l’iris, i gigli, i ranuncoli, i papaveri, i girasoli, le campanule sfumate blu, viola più scuro e più chiaro ed anche con cromatura azzurra. Come si può ben constatare, il mese di maggio, offre un’ampia gamma di fiori e molti di essi colorano i giardini in differenti tonalità.

Tuttavia, quando si decide di scegliere i fiori per le proprie nozze si parla sempre dei soliti, ma ce ne sono alcuni che meritano la giusta considerazione, data la loro sublimale bellezza. Uno di questi è il Lisianthus. Un fiore davvero eccezionale per la sua versatilità, si può inserire in diversi contesti di ricevimento: classici, raffinati, campestri, country ed anche moderni.

Un altro protagonista del mondo dei fiori, uno dei simboli dell’amore, è sicuramente il tulipano. Gli addobbi floreali con i tulipani sanno essere molto eleganti e raffinati. Si addicono ad ogni stile e si abbinano a qualunque scelta di colori per il matrimonio.

E che dire invece del girasole? Il fiore di girasole è considerato il portatore di allegria e gioia, proprio per la sua grande e magnifica infiorescenza. Il girasole è perfetto per ogni stagione, ma non per ogni tipo di matrimonio.
Potremmo dire che questo fiore si sposa bene per un ricevimento tipicamente campestre. Dunque, sia in primavera, ma anche in autunno, è un fiore che non stona assolutamente e si adatta a tutti i tipi di contesto. E’ ideale anche per un matrimonio sbarazzino e giovane, ma questo non significa, che perderà il suo valore ed il suo fascino.
E’ perfetto in abbinamento al colore arancio, al viola, ma anche al rosso dei papaveri.

Tutti questi fiori, appena menzionati, possono essere utilizzati per realizzare dei magnifici centrotavola, oppure in alternativa, per la realizzazione di straordinari bouquet .

Gli addobbi di fiori per il matrimonio sono davvero importanti, perché regalano alla chiesa, ma anche a tutto il ricevimento, quel tocco di eleganza e di raffinatezza davvero unico. Inoltre, definiscono lo stile del giorno più importante della tua vita.

Naturalmente i fiori dovranno essere intonati al tipo di cerimonia che si desidera organizzare:
se si gradisce uno stile country-chic, allora i fiori da campo saranno perfetti, con qualche tocco di peonie e ortensie, sparso qua e là.

Per un matrimonio raffinato all’ insegna dell’eleganza, invece, in questo caso, i tulipani o le calle possono essere la soluzione perfetta.

Ecco perché è importante sceglierli con cura e con la massima attenzione, magari facendos aiutare da un fiorista o comunque da un esperto del settore.

Maggiociondolo

Il maggiociondolo è molto apprezzato per i suoi profumati e persistenti grappoli di colore giallo-oro.

Questo arbusto fiorisce dalla primavera inoltrata fino a tutto luglio. Le sue foglie, nel contrasto cromatico con i fiori sono una delle sue caratteristiche più apprezzate a livello ornamentale.

In definitiva, scegliere l’addobbo florelae per la cerimonia di nozze, non é affatto un aspetto secondario e non é per niente da considerarsi un dettaglio, anzi… i fiori giusti, daranno quel tocco di colore gradito e quell’atmosfera piacevole, per il giorno più bello della propria vita.

Servizio fotografico per un battesimo

servizio-fotografico-battesimoNessuna cerimonia può dirsi tale senza un servizio fotografico all’altezza dell’occasione.
Se vi state chiedendo il perché, ve lo spiegheremo attraverso un concetto abbastanza elementare.
E’ risaputo come soltanto le fotografie abbiano quel potere, quasi magico, non solo di fissare momenti ed eventi rendendoli duraturi nel tempo, ma anche di mantenere inalterate quelle emozioni che essi sono stati in grado di suscitare nelle persone che vi hanno partecipato.

Chiamare un fotografo professionista
Costo di un servizio foto per battesimo
Che cosa è giusto fotografare
Consigli al fotografo
Non c’è nulla di più sbagliato che ritenere anacronistico il classico servizio fotografico per battesimo: qualcuno, solo perché oggi tutti siamo in grado di fare foto con il telefonino, lo ritiene superato, ma è in errore. La presenza di tanti fotografi per battesimi è la conferma di quanto questo sia vero.
Se da un lato è vero che, “scattare foto” è alla portata di tutti, saperlo fare bene rimane una prerogativa dei professionisti del settore: solo un fotografo specializzato, grazie all’esperienza, a qualche piccolo trucco del mestiere e al tocco “artistico” che è in grado di infondere alle sue “opere”, può garantire risultati perfetti sotto ogni punto di vista.
Per questo ed altre ragioni vale sempre la pena pagare un servizio fotografico professionale piuttosto che affidare il compito a parenti ed amici, che pur volenterosi, anche perché emotivamente convolti e magari a volte distratti, non riusciranno mai a raggiungere lo stesso livello di qualità nelle immagini.

Per un buon servizio fotografico per battesimo dunque, il primo passo da compiere è contattare un fotografo, che può essere qualcuno di vostra conoscenza, di cui già conoscete ed apprezzate il lavoro o, in alternativa, un professionista cercato e contattato su internet.
In rete è possibile trovare i migliori fotografi in circolazione, qualcuno persino specializzato in battesimi: leggete attentamente la presentazione della loro attività, le prestazioni offerte, richiedete i preventivi (quasi sempre, sapere quanto costa, si tratta di un servizio gratuito) e scegliete infine quello che vi convince di più.

La fotografia in fondo è arte, poiché quella vera non si limita a fissare un’immagine, ma a trasmettere anche le emozioni che essa suscita.
Fotografare un bambino, i suoi genitori, nonni e familiari tutti, gli amici che partecipano alla gioia della famiglia, vuol dire cogliere l’essenza di felicità e novità che la nascita comporta.
Solo un professionista è capace di trasmettere tutto questo attraverso l’uso della macchina fotografica, che diventa mezzo per esprimere sentimenti, cristallizzare situazioni e lasciare ricordi indelebili.
Volete mettere la differenza tra qualche foto scattata con il cellulare, di sicuro sgranata, mossa e fatta così come viene, con una realizzata da mani esperte, perfettamente a conoscenza della tecnica da adottare e che in più dispongono della strumentazione adatta?
Solamente così si garantiscono fotografie perfette, con l’adeguata nitidezza, le esatte proporzioni, la luce corretta e il giusto rilievo da dare ai protagonisti dell’evento.

Per foto da favola occorrono diversi accorgimenti, che un professionista è il solo a poter realizzare compiutamente.
Servendosi della strumentazione più moderna e sofisticata, egli starà attento alle luci, di fondamentale importanza per un risultato eccellente, badando che non siano troppo forti né che l’ambiente sia buio. Sarà importante invitare i partecipanti a mostrare il meglio di sé, consigliando pose, espressioni e cercando di mettere in evidenza il lato migliore di ognuno.
I vestiti eleganti faranno il resto: ad un battesimo ci si presenta in genere con abiti di buona foggia ed accessori adeguati, ma le signore farebbero bene a non eccedere con il trucco, per evitare di apparire in foto piuttosto ridicole, vittime del classico “effetto clown”. Una delle soluzioni più efficaci per ottenere fotografie ottimali è quella di mantenere la pelle opaca (soprattutto se fa caldo e si suda) con buone dosi di cipria, poiché l'”effetto lucido” di visi e colli è uno degli inconvenienti più frequenti (e odiati) delle foto da cerimonia.

Poiché in chiesa si svolge la parte più suggestiva della cerimonia di battesimo, le fotografie intese ad immortalarla devono essere all’altezza della situazione.
Questo significa, prima di tutto, riprendere l’evento senza disturbarlo.
Un bravo fotografo riesce facilmente in questo intento, poiché sa come “appostarsi” per scegliere l’angolazione migliore senza infastidire il prete e creare inutili distrazioni.
Per ovviare all’oscurità che di solito pervade l’interno delle chiese e fare in modo che le fotografie riescano bene lo stesso, si può adoperare il flash; il possibile divieto di utilizzarlo, che a volte viene disposto per preservare l’integrità di opere e strutture di una certa importanza, non costituisce oggi un problema, poiché è possibile ritoccare in seguito la luminosità delle fotografie attraverso i moderni software di grafica a disposizione, che assicurano risultati eccellenti.

 

E che fine fanno i vecchi album fotografici?

 
Decisamente superati!
Hai mai sentito parlare di fotolibro (o fotoalbum)?
A differenza di quelli tradizionali, sui quali le fotografie vengono incollate o inserite in apposite tasche, i fotolibri consentono di stampare le immagini direttamente sulle pagine.
Il fotolibro si può realizzare da soli, in piena autonomia, servendosi di uno dei tanti software gratuiti presenti in internet, oppure si può commissionare ad un laboratorio fotografico o ad un negozio di fotografia, i cui prezzi però, sono decisamente più alti.
Ma trattandosi dell’album di foto del battesimo, ovvero del primo evento importante che riguarda il bambino subito dopo la nascita, di sicuro ne varrà la pena, soprattutto se non si è molto esperti con tale tipo di software.

Quanto costa attualmente, all’incirca, un servizio fotografico completo per il battesimo?
Tutto sommato, a differenza di quanto molti pensano, non troppo, anche perché sono puttosto numerosi gli studi che mettono a disposizione della clientela pacchetti all’insegna del risparmio e della convenienza.
E’ scontato che non si possa dare in proposito cifre precise, ma tendenzialmente il CD-rom dell’intero servizio non supera i 200 euro, che possono arrivare a 300/400 se si richiede anche il fotoalbum.
Ad ogni modo si tratta di lavori qualitativamente perfetti, realizzati da esperti che in più si servono delle migliori strumentazioni attualmente esistenti.
Se proprio volete risparmiare il più possibile, potete sempre chiedere di realizzare il servizio fotografico ad un amico o ad un conoscente, purché abbiano una certa esperienza del mestiere e delle relative strumentazioni.
In tal caso il costo si abbasserebbe notevolmente, anche di 100/200 euro, ma c’è da capire se ne vale davvero la pena (ricordate: il battesimo è per sempre!).
Imparare come organizzare un battesimo significa pensare anche a ciò che di tangibile di esso resterà nel tempo: le immagini del battesimo, appunto.
Così come non è il caso di risparmiare sulle torte per battesimo, sui vestiti da indossare quel giorno e sull’addobbo in chiesa, il consiglio è di non farlo neanche per il servizio fotografico, che è in fondo tutto ciò che della cerimonia resterà negli anni.

Pensiamo ad un battesimo a Roma, Bari e Lecce: cosa fotografare?
Quanto a luoghi, monumenti e siti storici nella Capitale non c’è che l’imbarazzo della scelta, e non solo, come si potrebbe pensare, per quanto riguarda le sue attrazioni più rinomate, ma anche per molti altri deliziosi angoli fuori dal circuito del turismo di massa, ma meritevoli di essere visti e vissuti.
Ci sono a Roma tante piccole chiese che potrebbero costituire la cornice perfetta per un battesimo, così come viuzze, vicoli e piazzette della città vecchia; per un battesimo a Roma quindi, non soffermatevi solo sui luoghi più famosi, ma valutate anche punti alternativi, perché potrebbero rivelarsi una piacevolissima sorpresa.
Anche Bari, con il suo bellissimo ed assolato lungomare, e Lecce, con le sue celebri chiese barocche, offrono scenari straordinari per un evento battesimale, soprattutto se si svolge nei mesi primaverili ed estivi, il periodo dell’anno in cui queste due perle del nostro Sud, per ovvi motivi, offrono l’immagine migliore di sé.
Riguardo ai costi di un servizio fotografico per battesimo, nella Capitale essi sono tendenzialmente più esosi rispetto che a Bari e Lecce, ma non mancano allettanti occasioni di risparmio presso quegli studi fotografici che decidono di proporre offerte al ribasso (la crisi economica si fa sentire in ogni settore!). Non vi resta quindi che cercare sul web, nella speranza di spuntare dei prezzi più convenienti.


Alcuni consigli

 
Prima del battesimo (e di qualunque tipo di cerimonia) è bene rivolgersi per tempo ad un professionista e mettere “nero su bianco” i termini dell’accordo.
Nel contratto con il fotografo devono essere specificati sia gli aspetti tecnici (effetti elettronici, titolazioni, formato stampe, colonna sonora, album, fotoalbum ecc.) che quelli economici del servizio. Troppe volte si vengono a creare spiacevoli incomprensioni tra professionista e cliente, a cui seguono delle lunghe ed estenuanti azioni legal.
Altro suggerimento importante..Devono essere ben precisati termini e modalità di recesso da parte di committente e professionista, eventuali responsabilità a fronte di un risultato qualitativamente deludente, proprietà degli originali (negativi pellicola, file digitali sorgenti e così via) ecc.
Redigere un contratto scritto è la miglior forma di cautela possibile per entrambe le parti quando occorra far valere i propri diritti in caso di inadempienze.

Idee su come organizzare feste di compleanno per bambini

Partiamo dal presupposto che soddisfare il desiderio di festeggiare con gli amichetti il giorno del proprio compleanno è un dovere di ogni mamma moderna.

Purtroppo però, da un lato le urgenze lavorative, dall’altro la routine già molto densa di impegni di ogni madre tra le mura di casa, avere idee originali su come allietare il proprio bambino per l’anniversario di nascita, non è impresa da poco.

E’ per questo ragione che molte mamme preferiscono festeggiare in spazi predisposti a questo tipo di eventi, come nel caso del Mc Donald, pur di scrollarsi di dosso responsabilità organizzative che non riuscirebbero a sostenere.
feste-compleanno-bambiniD’altro canto però, lasciare al famoso clawn della catena di hamburger, il compito di intrattenere i bambini durante la festa, non significa essere certi che verranno distribuiti cibi di qualità. Senza voler entrare minimamente polemizzare sulla freschezza e la genuinità degli alimenti proposti dal Mc Donald, noi siamo pugliesi siamo abbastanza esigenti in fatto di cucina. Abbiamo allo stesso tempo la fortuna di poter offrire tantissime prelibatezze sane, provenienti dalla nostra bellissima regione Puglia e allora è riteniamo sia un obbligo quasi morale quello di rivolgersi a catering per bimbi, in grado di garantire qualità a prezzi mai esagerati.

Un taccuino ricco di idee originali

Diamo qualche indicazione a tutte le mamme e papà che vorranno cimentarsi per organizzare una festa di compleanno con i fiocchi e riempire il cuoricino del proprio figlio di gioia. Trattasi di aspetti che ogni servizio di catering di Puglia o Basilicata potrà curare con attenzione ma che, con un po’ di spirito di iniziativa e voglia di metterci alla prova, potremmo anche realizzare noi, dando vita ad una festa in casa fai da te. Dopotutto sono tanti gli aspetti da curare per la migliore riuscita di un evento di compleanno pertanto, in funzione delle nostre abilità, tempo e risorse economiche, potremo decidere potremo in parte organizzare noi e in parte delegare ad aziende specializzate in catering a casa e feste per bimbi.
Per prima cosa occorre sapere il numero massimo di invitati, fondamentale per poter garantire il giusto quantitativo di sedie ed evitare che nessun bimbo resti in piedi durante i giochi. I bambini sono tanto bravi a scatenarsi quanto teneri nel cercare una seduta per riposarsi quando sono in affanno. Per fare questo potremmo organizzare un gruppo di invito tramite whatssap, coinvolgendo tutte le mamme della classe o eventuali altre amiche di cui ci farebbe piacere la loro presenza durante il festeggiamento. In alternativa si potrebbe utilizzare il classico “evento Facebook” e quindi stimare ancora meglio quante persone converranno per quel lieto giorno, creando forse meno confusione di quella che solitamente generano i gruppi creati su whatsup.
Per tutti coloro i quali sono invece ancora legati ad un modo un po’ tradizionale di fare le cose o con una certa fantasia grafica, consigliamo invece di creare dei bigliettini d’invito al festeggiamento tramite dei semplici programmi per computer. Potrà essere il bambino stesso a consegnare gli inviti a tutti i compagni di classe, durante la paura per la ricreazione, ad esempio. Per non creare caos e fraintendimenti sarà importante segnalare con chiarezza:

  • data e orario della festa
  • indirizzo del luogo presso cui si terranno i festeggiamenti
  • eventuale programma dei giochi (un modo simpatico per destare l’interesse di chi riceve il biglietto)

In base al numero di invitati si potrà decidere che tipo di animazione offrire ai bambini, il che implica la scelta di un gioco divertente che li tenga coinvolti, riducendo al minimo le possibilità che si facciano male. Le gare di sport, calcio in primis, sono delle belle soluzioni per chi dispone di un capiente giardino condominiale e in caso di feste di compleanno estive, ma potrebbero causare incidenti fisici che rovinerebbero lo spirito gioioso della giornata. Se si dispone di questo spazio, meglio sfruttarlo per una merenda all’aperto o per allestire passatempi più sicuri. Quando si ha un po’ di tempo per pianificare la festa per l’anniversario di nascita del proprio bambino, si può studiare una simpaticissima caccia all’oggetto. Trattasi di una delle attività ludiche più amate dai bambini di ogni età e non è un caso se è un cavallo di battaglia di tanti service di catering per bambini.
Per essere ancora più originali e completi, si potrebbero dare dei premi a tutti i partecipanti, offrendo un regalo anche ai bambini appartenenti alla squadra perdente, in modo da accontentare proprio tutti. Le figurine di paw patrol e peppa pig accontenteranno tanto i maschietti quanto le bambine presenti. Dei regali non convenzionali potrebbero essere fatti con le noste stesse mani o affidandoci a qualche idea regalo realizzata dal mercato equo e solidale.
Se il compleanno cade durante i mesi invernali si potrebbe portare figli e amichetti in una sala giochi, avendo cura di prenotarla in anticipo, magari nel primissimo pomeriggio, chiedendo di riservare un spazio dell’ambiente ai più piccoli. Altra attività originale che si potrebbe fare è quella di progettare un’uscita di gruppo in un teatrino di marionette, certamente avvincente e allegro e quindi all’altezza dell’occasione. Pagare il biglietto a tutti i bambini è un bel regalo e abbinarlo ad un succo di frutta e pop corn è la migliore idea per rendere quel momento ancora più speciale.
Per chi reputa opportuno restare tra le mura domestiche e non ha voglia di creare troppi spostamenti esistono non ci sono problemi. Le vie dell’animazione per bimbi sono infinite e allora basteranno un lettore musicale e delle sedie per improvvisare un gran classico tra i giochi per piccini. O ancora, sarà sufficiente comprare delle bolle di sapone o dei mattoncini lego per intrattenere i bambini nelle fasi iniziali della festa ovvero quando un leggero imbarazzo e disagio ricopre ancora i volti dei teneri diavoletti che di lì a poco, sporcheranno il pavimento di casa vostra con patatine e bandierine dei sandwich !

Alcune attenzioni per evitare il peggio

Se volete organizzare una festa di compleanno in casa, senza affidarvi a compagnie specializzate che fanno questo di mestiere, dovrete comunque operare affinchè tutto proceda nel migliore dei modi, senza imprevisti e soprattutto senza rischi.
Ecco un elenco di operazioni utili che l’esperienza e il buon senso ci hanno insegnato essere indispensabili per la riuscita di una festa di compleanno o di onomastico che sia:

  • Togliere tutti i tappeti più preziosi, la coca cola è l’incubo peggiore per complementi in tessuto
  • Pulire la casa a fondo e far depositare le scarpe all’ingresso di casa. Si farà meno rumore e si eviteranno i tipici traumi da calpestamento
  • tenere chiusi i balconi. In caso di caldo eccessivo, utilizzare ventilatori o condizionatori
  • aggiungere delle protezioni agli spigoli dei tavoli