servizio-fotografico-battesimoNessuna cerimonia può dirsi tale senza un servizio fotografico all’altezza dell’occasione.
Se vi state chiedendo il perché, ve lo spiegheremo attraverso un concetto abbastanza elementare.
E’ risaputo come soltanto le fotografie abbiano quel potere, quasi magico, non solo di fissare momenti ed eventi rendendoli duraturi nel tempo, ma anche di mantenere inalterate quelle emozioni che essi sono stati in grado di suscitare nelle persone che vi hanno partecipato.

Chiamare un fotografo professionista
Costo di un servizio foto per battesimo
Che cosa è giusto fotografare
Consigli al fotografo
Non c’è nulla di più sbagliato che ritenere anacronistico il classico servizio fotografico per battesimo: qualcuno, solo perché oggi tutti siamo in grado di fare foto con il telefonino, lo ritiene superato, ma è in errore. La presenza di tanti fotografi per battesimi è la conferma di quanto questo sia vero.
Se da un lato è vero che, “scattare foto” è alla portata di tutti, saperlo fare bene rimane una prerogativa dei professionisti del settore: solo un fotografo specializzato, grazie all’esperienza, a qualche piccolo trucco del mestiere e al tocco “artistico” che è in grado di infondere alle sue “opere”, può garantire risultati perfetti sotto ogni punto di vista.
Per questo ed altre ragioni vale sempre la pena pagare un servizio fotografico professionale piuttosto che affidare il compito a parenti ed amici, che pur volenterosi, anche perché emotivamente convolti e magari a volte distratti, non riusciranno mai a raggiungere lo stesso livello di qualità nelle immagini.

Per un buon servizio fotografico per battesimo dunque, il primo passo da compiere è contattare un fotografo, che può essere qualcuno di vostra conoscenza, di cui già conoscete ed apprezzate il lavoro o, in alternativa, un professionista cercato e contattato su internet.
In rete è possibile trovare i migliori fotografi in circolazione, qualcuno persino specializzato in battesimi: leggete attentamente la presentazione della loro attività, le prestazioni offerte, richiedete i preventivi (quasi sempre, sapere quanto costa, si tratta di un servizio gratuito) e scegliete infine quello che vi convince di più.

La fotografia in fondo è arte, poiché quella vera non si limita a fissare un’immagine, ma a trasmettere anche le emozioni che essa suscita.
Fotografare un bambino, i suoi genitori, nonni e familiari tutti, gli amici che partecipano alla gioia della famiglia, vuol dire cogliere l’essenza di felicità e novità che la nascita comporta.
Solo un professionista è capace di trasmettere tutto questo attraverso l’uso della macchina fotografica, che diventa mezzo per esprimere sentimenti, cristallizzare situazioni e lasciare ricordi indelebili.
Volete mettere la differenza tra qualche foto scattata con il cellulare, di sicuro sgranata, mossa e fatta così come viene, con una realizzata da mani esperte, perfettamente a conoscenza della tecnica da adottare e che in più dispongono della strumentazione adatta?
Solamente così si garantiscono fotografie perfette, con l’adeguata nitidezza, le esatte proporzioni, la luce corretta e il giusto rilievo da dare ai protagonisti dell’evento.

Per foto da favola occorrono diversi accorgimenti, che un professionista è il solo a poter realizzare compiutamente.
Servendosi della strumentazione più moderna e sofisticata, egli starà attento alle luci, di fondamentale importanza per un risultato eccellente, badando che non siano troppo forti né che l’ambiente sia buio. Sarà importante invitare i partecipanti a mostrare il meglio di sé, consigliando pose, espressioni e cercando di mettere in evidenza il lato migliore di ognuno.
I vestiti eleganti faranno il resto: ad un battesimo ci si presenta in genere con abiti di buona foggia ed accessori adeguati, ma le signore farebbero bene a non eccedere con il trucco, per evitare di apparire in foto piuttosto ridicole, vittime del classico “effetto clown”. Una delle soluzioni più efficaci per ottenere fotografie ottimali è quella di mantenere la pelle opaca (soprattutto se fa caldo e si suda) con buone dosi di cipria, poiché l'”effetto lucido” di visi e colli è uno degli inconvenienti più frequenti (e odiati) delle foto da cerimonia.

Poiché in chiesa si svolge la parte più suggestiva della cerimonia di battesimo, le fotografie intese ad immortalarla devono essere all’altezza della situazione.
Questo significa, prima di tutto, riprendere l’evento senza disturbarlo.
Un bravo fotografo riesce facilmente in questo intento, poiché sa come “appostarsi” per scegliere l’angolazione migliore senza infastidire il prete e creare inutili distrazioni.
Per ovviare all’oscurità che di solito pervade l’interno delle chiese e fare in modo che le fotografie riescano bene lo stesso, si può adoperare il flash; il possibile divieto di utilizzarlo, che a volte viene disposto per preservare l’integrità di opere e strutture di una certa importanza, non costituisce oggi un problema, poiché è possibile ritoccare in seguito la luminosità delle fotografie attraverso i moderni software di grafica a disposizione, che assicurano risultati eccellenti.

 

E che fine fanno i vecchi album fotografici?

 
Decisamente superati!
Hai mai sentito parlare di fotolibro (o fotoalbum)?
A differenza di quelli tradizionali, sui quali le fotografie vengono incollate o inserite in apposite tasche, i fotolibri consentono di stampare le immagini direttamente sulle pagine.
Il fotolibro si può realizzare da soli, in piena autonomia, servendosi di uno dei tanti software gratuiti presenti in internet, oppure si può commissionare ad un laboratorio fotografico o ad un negozio di fotografia, i cui prezzi però, sono decisamente più alti.
Ma trattandosi dell’album di foto del battesimo, ovvero del primo evento importante che riguarda il bambino subito dopo la nascita, di sicuro ne varrà la pena, soprattutto se non si è molto esperti con tale tipo di software.

Quanto costa attualmente, all’incirca, un servizio fotografico completo per il battesimo?
Tutto sommato, a differenza di quanto molti pensano, non troppo, anche perché sono puttosto numerosi gli studi che mettono a disposizione della clientela pacchetti all’insegna del risparmio e della convenienza.
E’ scontato che non si possa dare in proposito cifre precise, ma tendenzialmente il CD-rom dell’intero servizio non supera i 200 euro, che possono arrivare a 300/400 se si richiede anche il fotoalbum.
Ad ogni modo si tratta di lavori qualitativamente perfetti, realizzati da esperti che in più si servono delle migliori strumentazioni attualmente esistenti.
Se proprio volete risparmiare il più possibile, potete sempre chiedere di realizzare il servizio fotografico ad un amico o ad un conoscente, purché abbiano una certa esperienza del mestiere e delle relative strumentazioni.
In tal caso il costo si abbasserebbe notevolmente, anche di 100/200 euro, ma c’è da capire se ne vale davvero la pena (ricordate: il battesimo è per sempre!).
Imparare come organizzare un battesimo significa pensare anche a ciò che di tangibile di esso resterà nel tempo: le immagini del battesimo, appunto.
Così come non è il caso di risparmiare sulle torte per battesimo, sui vestiti da indossare quel giorno e sull’addobbo in chiesa, il consiglio è di non farlo neanche per il servizio fotografico, che è in fondo tutto ciò che della cerimonia resterà negli anni.

Pensiamo ad un battesimo a Roma, Bari e Lecce: cosa fotografare?
Quanto a luoghi, monumenti e siti storici nella Capitale non c’è che l’imbarazzo della scelta, e non solo, come si potrebbe pensare, per quanto riguarda le sue attrazioni più rinomate, ma anche per molti altri deliziosi angoli fuori dal circuito del turismo di massa, ma meritevoli di essere visti e vissuti.
Ci sono a Roma tante piccole chiese che potrebbero costituire la cornice perfetta per un battesimo, così come viuzze, vicoli e piazzette della città vecchia; per un battesimo a Roma quindi, non soffermatevi solo sui luoghi più famosi, ma valutate anche punti alternativi, perché potrebbero rivelarsi una piacevolissima sorpresa.
Anche Bari, con il suo bellissimo ed assolato lungomare, e Lecce, con le sue celebri chiese barocche, offrono scenari straordinari per un evento battesimale, soprattutto se si svolge nei mesi primaverili ed estivi, il periodo dell’anno in cui queste due perle del nostro Sud, per ovvi motivi, offrono l’immagine migliore di sé.
Riguardo ai costi di un servizio fotografico per battesimo, nella Capitale essi sono tendenzialmente più esosi rispetto che a Bari e Lecce, ma non mancano allettanti occasioni di risparmio presso quegli studi fotografici che decidono di proporre offerte al ribasso (la crisi economica si fa sentire in ogni settore!). Non vi resta quindi che cercare sul web, nella speranza di spuntare dei prezzi più convenienti.


Alcuni consigli

 
Prima del battesimo (e di qualunque tipo di cerimonia) è bene rivolgersi per tempo ad un professionista e mettere “nero su bianco” i termini dell’accordo.
Nel contratto con il fotografo devono essere specificati sia gli aspetti tecnici (effetti elettronici, titolazioni, formato stampe, colonna sonora, album, fotoalbum ecc.) che quelli economici del servizio. Troppe volte si vengono a creare spiacevoli incomprensioni tra professionista e cliente, a cui seguono delle lunghe ed estenuanti azioni legal.
Altro suggerimento importante..Devono essere ben precisati termini e modalità di recesso da parte di committente e professionista, eventuali responsabilità a fronte di un risultato qualitativamente deludente, proprietà degli originali (negativi pellicola, file digitali sorgenti e così via) ecc.
Redigere un contratto scritto è la miglior forma di cautela possibile per entrambe le parti quando occorra far valere i propri diritti in caso di inadempienze.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *